1

necrologi

uniti si e forti copia

L'Ossola deve dire 5 grazie

1° All'incapacità della Regione Piemonte guidata dal Presidente Chiamparino che da prima ha annullato ciò che Lei stessa aveva richiesto al territorio, cioè di indicare quale DEA dovesse rimanere aperto scelta che era ricadurta sul San Biagio e sucessivamente l'incapacità dimostrata nel realizzare l'Ospedale in collina ad Ornavasso.

2° Alla determinazione del Sindaco Lucio Pizzi che si è sempre battuto contro alla realizzazione dell'Ospedale sulla collina.

3°Alla scelta fatta dalla Regione Piemonte guidata dal Presidente Cirio che ha chiesto all'Ossola di indicare dove vuole che sia ubicato il Nuovo Ospedale (considerato che solo in Ossola ci sono terreni idonei).

4° Alla scelta compatta dei Sindaci Ossolani nell'indicare convintamente alle porte di Domodossola il luogo dove edificare il Nuovo Ospedale.

5° Ma da non dimenticare e sottovalutare l'apporto dato dal Consigliere Regionale Alberto Prioni.

Mercoledì 6 novembre si è svolta nella sala storica del Consiglio Comunale di Domodossola la riunione dei Sindaci dell'Ossola, su 37 Sindaci ne erano presenti 33, 32 Sindaci hanno condiviso di ubicare il Nuovo Ospedale alle porte di Domodossola, l'unico voto contrario è stato quello del Sindaco di Ornavasso cosa comprensibile, a Lui va riconosciuta la correttezza di essersi presentato, un rammarico per gli assenti.

Da ossolano che da sempre si è impegnato e battuto per la sua terra è stato bellissimo vedere e sentire i Sindaci, che pur appartenendo a partiti opposti ragionavano e parlarvano per il bene della nostra e loro terra, a loro un grazie.

Peccato che al momento della realizzazione della Provinci del Verbano-Cusio-Ossola l'unità dei Sindaci Ossolani non c'era e ciò fu causa del depauperamento dell'Osssola, OGGI l'Ossola si è svegliata finalmente.

Piero Gaido